Garantire la continuità nell’erogazione delle risorse e fornire sostegno e liquidità a enti locali e imprese. Questo l’obiettivo del Ministero dell’Istruzione che ha deciso di mantenere sempre aperti gli applicativi informativi per la rendicontazione e per i pagamenti degli interventi di edilizia scolastica.
Si tratta di una novità: abitualmente gli enti locali hanno a disposizione tre finestre temporali durante l’anno per richiedere risorse, inserire procedure, rendicontare. La decisione è stata presa a margine della Cabina di regia per l’edilizia scolastica che si è tenuta la scorsa settimana, per dare la possibilità di sfruttare questo momento di sospensione delle attività didattiche per mettere in sicurezza le scuole e intervenire strutturalmente sugli edifici scolastici.
​​​​​​​“Abbiamo fortemente voluto questa azione - dichiarano la Ministra dell’Istruzione Lucia Azzolina e la Vice Ministra Anna Ascani - perché ci sembra doverosa per semplificare le procedure e far sì che i lavori di edilizia scolastica possano procedere speditamente. Il Ministero è in continuo dialogo con gli Enti locali ed è impegnato, attraverso gli uffici dedicati, a dare seguito a tutte le pratiche e le richieste che arriveranno.

Inoltre, proprio in questi giorni potranno ripartire i cantieri. Stiamo dando un’importante agevolazione ai territori e alle imprese e costruendo scuole sicure per i nostri studenti”.