Per favorire la messa a regime del nuovo sistema di istruzione degli adulti il Decreto del Presidente della Repubblica 263 del 2012 prevede che il passaggio al nuovo ordinamento dell'istruzione degli adulti sia accompagnato da misure nazionali di sistema per l'aggiornamento dei dirigenti, dei docenti e del personale amministrativo, tecnico e ausiliario dei Centri provinciali per l'istruzione degli adulti (CPIA).

La Direzione generale per gli ordinamenti scolastici e la valutazione del sistema nazionale di istruzione (DGOSV) ha promosso dall’anno scolastico 2014/2015 il Piano di Attività per l’Innovazione Dell’Istruzione degli Adulti (P.A.I.DE.I.A.).

Il Piano è supportato dal Gruppo Nazionale di Lavoro PAIDEIA (decreto 1329 del 02.10.18), costituito dai rappresentanti della DGOSV, di tutti gli UUSSRR e di INDIRE.

Il gruppo di lavoro e le attività in campo

Tale piano è sostenuto da un Gruppo Nazionale di Lavoro PAIDEIA (decreto DGOSV 51 del 2015 e s.m.i.), di cui fanno parte rappresentanti del Miur, di tutti gli Uffici scolastici regionali e di INDIRE.

Le attività messe in atto dai CPIA nell’ambito del Piano sono finalizzate a:

  1. definire i dispositivi necessari per la produzione del Patto formativo individuale;
  2. progettare le misure di sistema necessarie per il raccordo tra i percorsi di primo livello e i percorsi di secondo livello;
  3. realizzare le attività di ricerca, sperimentazione e sviluppo e gli interventi di ampliamento dell’offerta formativa.

Tutte le attività fanno comunque riferimento alle cinque azioni strategiche previste dal piano nazionale di garanzia delle competenze della popolazione adulta (per saperne di più vedi sezione Apprendimento Permanente).

Il progetto EDUFINCPIA

Il Gruppo Nazionale di Lavoro PAIDEIA supporta anche la realizzazione del Progetto nazionale "EDUFINCPIA", promosso dalla DGOSV dall’anno solastcio 2016/2017.

Il Progetto intende contribuire a contrastare il deficit educativo della popolazione adulta nel campo dell'educazione finanziaria, anche in considerazione delle disposizioni della legge 15 del 2017, e prevede la progettazione e l'erogazione di unità di apprendimento specifiche per gli adulti iscritti al CPIA per consentire loro di acquisire le competenze minime legate all'educazione finanziaria.